Bikeconomy | Santilli: “la bicicletta sprigiona una economia da 500 miliardi”

Il mercato della bicicletta ha il vento a favore. E nessuno la potrà fermare. È importante riuscire a “starle a ruota”.

Di Rocco, Santilli Sgalla, Barrera, Quintieri

The Booming Bike Word questo è il titolo della terza edizione del Bikeconomy perché la bicicletta si trova in una fase di boom economico in grande espansione. Questo mezzo di locomozione senza tempo ha grandi potenzialità in settori dell’economia che le ruotano attorno come il design, il mondo della finanza, le amministrazioni pubbliche.

I dati delle edizioni precedenti già testimoniavano una crescita esponenziale di questo settore sia dal punto di vista economico che industriale. “L’Italia è leader nella produzione di biciclette” afferma Beniamino Quintieri . Nel 2017 sono state vendute 150.000 eBike con un incremento del 20%. Esiste però una discrepanza tra il nostro potenziale produttivo e manifatturiero ed un potenziale che il nostro paese non riesce a colmare soprattutto per quello che riguarda la ciclabilità.

In questa edizione grande attenzione è stata posta sull’analisi di fattibilità e progettazione presentando esempi concreti di pianificazione urbana connessi alla mobilità sostenibile. “La bicicletta sprigiona una straordinaria economia che si aggira intorno ad oltre 500 miliardi” afferma Gianluca Santilli. Ma la bicicletta non è solo il ciclista, è anche “il territorio che gli sta intorno che va valorizzato, è l’enogastronomia, la smart city”. Le grandi città vanno rese più vivibili, per questo grandi città, non solo come Copenhagen e Amsterdam, investono centinai di milioni”. E’ importante riuscire a creare una rete efficace ed efficiente di mobilità e “la bicicletta è solo una delle componenti”. In questa terza edizione sono stati portati esempi concreti , come il fatto che le banche iniziano ad investire nel mondo della mobilità. La Bikeconomy è “contaminazione” e il comitato scientifico di professionisti di vari settori ne è la prova. Un’altra prova di contaminazione è la presenza in questa edizione dell’Istituto Europeo del Design (IED) con il suo progetto di mobilità sostenibile a servizio della città…

“Tanti satelliti girano attorno al sole che a noi piace tantissimo perché si chiama bicicletta… Contaminiamo e contaminiamoci” conclude Gianluca Santilli.