Il sindacato europeo IndustriAll Supporta misure di dumping di eBike

In una lettera inviata il 23 marzo ai commissari UE per il commercio, l’industria e l’occupazione, il sindacato europeo IndustriAll (che afferma di essere “la voce di 7 milioni di lavoratori e donne in tutta Europa”) ha offerto sostegno a “misure per affrontare qualsiasi dumping di e-bike da parte dei produttori cinesi. ”

Prezzo basso 26 pollice acquistare a buon mercato bici elettrica della bicicletta 48V250W8AH 2018 cinese in cina prezzo

IndustriAll ha inviato la sua lettera a Elżbieta Bieńkowska (commissario europeo per il mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI), Cecilia Malmström (commissario europeo per il commercio) e Marianne Thyssen (commissario europeo per l’occupazione, gli affari sociali, la mobilità delle competenze e del lavoro). Luc Triangle, segretario generale dell’industria sindacale europea IndustriAll, esprime “l’interesse del sindacato per le continue inchieste antidumping e antisovvenzioni sulle importazioni di biciclette elettriche dalla Cina e il sostegno a misure efficaci”.

In questa lettera si dice che “In particolare, industriAll Europe sostiene l’imposizione di misure efficaci per contrastare eventuali scarichi di e-bike da parte di produttori cinesi o sovvenzioni da parte del governo cinese al fine di fornire parità di condizioni per l’industria europea, che ha sviluppato l’EPAC, una versione europea unica, particolarmente innovativa e rispettosa dell’ambiente della bicicletta elettrica. Più in generale, l’industria delle biciclette, delle biciclette elettriche e dei componenti è vitale per l’occupazione dell’UE, soprattutto in considerazione del costante sviluppo di nuovi materiali nel settore e dell’importanza strategica del trasporto elettronico per l’UE.

‘Ben oltre 200.000 posti di lavoro’

“In effetti, la produzione di e-bike dell’UE rappresenta una notevole quantità di occupazione nell’UE, almeno 90.000 posti di lavoro, di cui 45.000 sono posti di lavoro diretti e almeno altri 45.000 sono posti di lavoro indiretti. Inoltre, molti produttori europei di componenti per biciclette elettriche e biciclette producono ricambi auto e quindi l’occupazione totale influenzata dalle importazioni oggetto dell’indagine equivale a ben oltre 200.000 posti di lavoro diretti e indiretti. I produttori europei di biciclette elettriche sono diffuse in tutta Europa, con impianti di assemblaggio in 22 Stati membri dell’UE.

Allarmato dai rapporti dei media

“Pertanto, siamo rimasti allarmati nel leggere i resoconti dei media secondo cui le esportazioni di e-bike dalla Cina verso l’UE sono cresciute dell’83% nel 2017 rispetto al 2016. Siamo anche consapevoli del fatto che i programmi di bike sharing cinesi si stanno diffondendo nelle città europee, esacerbando il potenziale danno dal dumping distruttivo e dalla riduzione dell’occupazione in un settore cruciale per il futuro verde dell’Europa. Comprendiamo che un certo numero di produttori europei di biciclette elettriche sono già usciti dal mercato a causa della concorrenza sleale della Cina e quindi la Commissione europea dovrebbe agire prima che sia troppo tardi.

“Grandi investimenti da parte dei produttori dell’UE”

“IndustriAll Europe ha visto e apprezza gli importanti investimenti che sono stati fatti dai produttori europei di biciclette elettriche e sosterrebbe una decisione della Commissione di imporre misure efficaci a livello UE sulle importazioni oggetto di dumping e sovvenzionate, al fine di garantire parità di condizioni. Per l’intera Europa, ciò sarebbe pienamente in linea con i principi espressi nella comunicazione “Commercio per tutti” del 2015, che richiede una politica commerciale e di investimento più responsabile. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.