Dalla prossima settimana arriva il dazio antidumping sulle eBikes dalla Cina?

Venerdì prossima settimana – 20 aprile – è una data importante nella questione del dumping sulle biciclette elettriche importate dalla Cina. È la prima data che consente alla Commissione dell’Unione europea di imporre un dazio antidumping provvisorio su tali importazioni. Lo stesso giorno la Commissione potrebbe anche pubblicare la sua decisione sulla registrazione delle importazioni di biciclette elettriche dalla Cina.

Fonte: Internet

Circa le registrazioni, il “Collettivo degli importatori europei di biciclette elettriche” ha inviato un secondo documento di posizione alla Commissione europea in cui si oppone a tale metodo di registrazione delle importazioni. Esso è stato richiesto dall’Associazione europea dei produttori di biciclette (EBMA). Se venisse concesso dalla Commissione europea, consentirebbe la riscossione retroattiva dei dazi antidumping (provvisori).

Stoccaggio di biciclette elettriche

Secondo il position paper del Collettivo degli importatori “EBMA continua a basarsi su dati di esportazione cinesi non verificabili. Di conseguenza, EBMA sostiene un enorme aumento delle esportazioni cinesi nel dicembre 2017, gennaio e febbraio 2018. L’EBMA ha costantemente chiesto alla Commissione di trattare queste statistiche cinesi come informazioni riservate, in quanto presumibilmente hanno pagato una fee per ottenere i numeri. Il Collettivo chiede alla Commissione di rivelare l’identità del fornitore di dati, che consentirà anche al Collettivo di ottenere e verificare i dati acquistati. ”

Valutazione impropria

Il Collettivo degli importatori sostiene inoltre che “le statistiche sulle esportazioni cinesi non sono supportate dalle statistiche Eurostat. Il Collettivo ritiene che ciò sia dovuto al fatto che l’EBMA non utilizza il metodo corretto per valutare la necessità di registrazione. Eurostat riporta un volume medio mensile delle importazioni di circa 68.670 unità per il periodo dell’inchiesta e una media di 59.200 nei tre mesi successivi all’apertura dell’inchiesta antidumping. Anche le importazioni nel gennaio 2018, a 64.020 unità, erano inferiori alla media del periodo dell’inchiesta.”

Gli importatori osservano inoltre che è praticamente impossibile per i loro membri accumulare riserve poiché non acquistano le e-bike ma le hanno fatte su misura, il che comporta tempi di consegna molto lunghi.

“Assenza di lesioni”

Inoltre, il Collettivo degli Importatori sottolinea l’assenza di pregiudizio all’industria dell’UE.

“Danni sproporzionati agli importatori dell’UE”

Infine, il Collettivo si interroga sulla possibilità che un numero significativo di membri EBMA possa essere considerato parte dell’industria europea, in quanto essi stessi sono importanti importatori di biciclette elettriche dalla Cina. “È relativamente chiaro dai fascicoli non riservati della Commissione che la società Prophete è un importatore collegato per uno dei produttori UE inclusi nel campione. Un altro membro EBMA, BH fa parte del campione degli importatori. Per quanto riguarda Oxylane, fa parte di Decathlon che vende da 60.000 a 70.000 pezzi l’anno che vengono attualmente prodotti in Cina. ”

Tempi per decisione definitiva

Il calendario legale per le inchieste di dumping effettuate dalla Commissione europea stabilisce che esso deve essere concluso entro 15 mesi dalla data di pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. Ciò significa che entro il 20 gennaio 2019 l’inchiesta deve essere conclusa e che la Commissione deve decidere entro tale data (o prima) di istituire un dazio antidumping sulle biciclette elettriche importate dalla Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *